Piano casa e residenze negate. Avvocato di strada Onlus: “Violati diritti soggettivi, pronti a fare ricorso”

La privation de la résidence enregistrée qui donne droit à divers droits sociaux et autres,  privation qui découle d’un plan frappant les occupations “sauvages” d’immeubles, est dénoncée comme contraire à la Constitution par le président de l’association des avocats de la rue. Cette mesure rappelle la problématique du refus de domiciliation dans les campings aux Pays-Bas, et dans d’autres pays, qui a été soulevée lors des Universités Populaires Quart Monde européennes de 2012 et de 2014 (droit à l’existence légale).

oOo

Avvocato di strada

Piano casa e residenze negate. Avvocato di strada Onlus: “Violati diritti soggettivi, pronti a fare ricorso”

“Eravamo stati facili profeti. Come avevamo anticipato il Piano Lupi comincia a fare le proprie vittime. Qua­ran­ta­due famiglie che occu­pano un palazzo ex Asl in piazza Atti­lio Pecile a Roma si sono visti rifiu­tare la resi­denza anagrafica dal Comune perché “l’edificio non rive­ste i requi­siti di civile abi­ta­zione ed è oggetto di pro­ce­di­mento penale per occu­pa­zione abu­siva”. Adesso non sarà di certo più facile mandare via queste persone dall’edificio. In compenso gli si impedirà di potersi curare, di poter votare, di poter avere accesso all’assistenza sociale, di poter ottenere dei documenti, di iscrivere i figli a scuola. La stesa cosa succederà in tutta Italia a decine di migliaia di persone già in difficoltà che vedranno la propria già non facile situazione peggiorare ulteriormente. E’ così che il Governo intende fare qualcosa per i poveri?” Lo dichiara Antonio Mumolo, presidente dell’Associazione nazionale Avvocato di strada Onlus.
“Tante famiglie – sottolinea Mumolo – occupano uno stabile solo perché sono rimaste senza lavoro e altrimenti finirebbero in strada e perderebbero i figli. Se hanno occupato illegalmente uno stabile si seguano le procedure e li si sfratti, ma non si può decidere di negare per decreto un diritto soggettivo importantissimo come quello della residenza anagrafica. Anche perché la residenza non comporta alcun diritto in più rispetto all’immobile e una procedura di sfratto o sgombero può colpire indifferentemente chi occupa, chi è moroso rispetto all’affitto o chi non paga il mutuo”.
“Il Piano casa viola la Costituzione in più punti e ottiene un effetto paradossale. Con questo Piano il governo intendeva “far fronte al disagio abitativo che interessa sempre più famiglie impoverite dalla crisi” e invece rischia di aggravare la situazione di queste stesse famiglie, che con il diritto alla residenza anagrafica vedranno scomparire gli ultimi legami che hanno con la società e le ultime possibilità di tornare ad una vita comune. Chiedo al Governo di modificare questa norma al più presto. Nel frattempo l’Associazione Avvocato di strada Onlus si occuperà della tutela dei diritti delle famiglie che vorranno intentare un ricorso contro questo abuso. Poiché vengono lesi diritti costituzionalmente garantiti – conclude Mumolo- il ricorso conterrà una eccezione di costituzionalità dell’art. 5 del Decreto Lupi, nella parte in cui impedisce di concedere la residenza a coloro che occupano un immobile”.

Ce contenu a été publié dans Accès aux droits (nat), Français, Identité / nationalité (nat), Italiano, Logement (nat), avec comme mot(s)-clé(s) , , , . Vous pouvez le mettre en favoris avec ce permalien.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.